La Calvizie: cos'è e come si Cura? RaiNews24 Intervista il Dr.Luigi Laino

La Calvizie: cos'è e come si Cura? RaiNews24 Intervista il Dr.Luigi Laino - C a l v i z i e . P r o

Se si effettua ad oggi una ricerca nei più importanti motori di ricerca utilizzando il termine - Tricologia o Tricology - la confusione è totale: 
con tale dicitura difatti si sottolineano le più disparate acquisizioni in materia di capelli, che spaziano dal mondo della moda e delle tendenze ai famigerati ritrovati per le crescite "miracolose" a strumentazioni fai-da-te, tutte da dimostrare...

Il Dermatologo, ovvero l'unica figura che può applicare la Scienza Tricologica, è relegato in posizioni poco visibili all'utenza: compito di questo articolo e di questi servizi telematici non vincolanti all'utenza, è quello di rendere il più chiaro possibile che è il Medico Specialista in Dermatologia, l'unico che può occuparsi della salute e pertanto delle patologie del cuoio capelluto e di questi annessi cutanei.

La calvizie da sempre è vissuta (specie nelle donne, ma per esperienza personale affermo anche nell’uomo) come qualcosa da celare, da obnubilare (da quell’Alloro di Giulio Cesare, ad altro camouflage del cuoio capelluto glabro, il passo è breve).

La cosa che ha in un certo modo reso ancor più franco e libero l’approccio clinico a questa situazione, è la determinazione di recente memoria prodotta proprio dall’organismo cardine delle Istituzioni sanitarie del globo, l’OMS: Organizzazione Mondiale della Sanità, la quale ha decifrato e rinnovato il concetto di “Salute” dell’uomo, come non più una “assenza di malattia” ma in maniera più ampia il “pieno Benessere psico-fisico” di una persona – da qui il passo è breve e il Dermatologo Tricologo, può occuparsi segnatamente anche di questa condizione, che spesso inficia e non poco il tessuto relazionale, sociale, lavorativo ed affettivo di una persona.

Come si fa la visita Tricologica? Essa è composta di 5 fasi:

1. La raccolta dei dati anamnestico - clinici del paziente (e anche sierologica nella donna)

2. La raccolta dei segni clinici (esame obbiettivo del capello)

3. La Foto Globale digitale

4. La Tricoscopia digitale in epiluminescenza

5. La Terapia Farmacologica

Alla fine di questo processo, il paziente sarà selezionato per una terapia farmacologica Topica, Sistemica e/o Microinfiltrativa

Nuove Tecniche Diagnostiche: Tricoscopia Digitale

Nuove Tecniche Diagnostiche: Tricoscopia Digitale - C a l v i z i e . P r o

La Tricoscopia digitale è una pratica non invasiva, immediata, indolore e soprattutto riproducibileche può essere applicata assieme alla prima visita tricologica e ai successivi controlli.

Tale procedura è effettuata mediante un video-tricoscopio digitale che riprende a livello microscopico (20X, 50X, 100X) e in diretta le immagini del cuoio capelluto e dei capelli.

In questo modo il Medico Dermatologo specialista (questo è l'unico Tricologo esistente, nessun altro può comprendere i segni tricoscopici e catalogarli omplementariamente alla Visita specialistica) può avere dei dati clinici strumentali molto importanti per la diangosi delle principali patologie del cuoio capelluto 

ma soprattutto, la Tricoscopia digitale serve come valido ausilio per la diangostica in corso di Calvizie o Alopecia andorgetica maschile e femminile

I criteri dermoscopici di analisi nella Tricoscopia sono eminentemente:

- diametro medio del capello

- densità locale

- segni tricoscopici (depressioni centrofollicolari, vascolarizzazione perifollicolare etc.)

Approfondiamo quindi questi criteri:
 
a) valutazione del diametro medio del capello: questo dato è fondamentale per valutare e differenziare una alopecia androgenetica da altre forme di defluvium: maggiore è la diversità fra i fusti dei capelli, più alto è il grado di severità della calvizie. Il criterio funzionale è percepito maggiore o minore del 20% (nel primo caso si parla di positività)
 
b) valutazione della densità locale per campo di analisi: in questo contesto, si valuta la densità per centimetro quadro o per campo di analisi del cuoio capelluto: in parole più semplici si analizza quanto è folta quell'area di cuoio capelluto. Questa variabile è analizzata in base ad una scala digradante a punti.
 
c) alterazioni dermoscopiche del cuoio capelluto a livello follicolare: in tal caso la presenza di "depressioni centrofollicolari" di "ipercheratinizzazioni perifollicolari" di "ipervascolarizzazione perifollicolare" di "follicoli fantasma" etc. stabilisce dei criteri aggiuntivi che possono essere di ausilio in corso di diangosi di diverse patologie dermatologiche e in corso di alopecia androgenetica.
 

Tutti questi criteri possono essere ben valutati con questa metodica divenendo catalogabili e confrontabili nel tempo

Questo non solo per arrivare ad una diangosi precisa dello stato della calvizie, ma per verificare anche se le terapie intraprese stiano avendo risultati positivi e quantizzabili.

Le Terapie farmacologiche topiche e sistemiche attive

Le Terapie farmacologiche topiche e sistemiche attive - C a l v i z i e . P r o

La domanda più frequente è Si può curare l'Alopecia androgentica?

 Molti pensano il contrario, ma l'alopecia androgenetica - ovvero la calvizie maschile e femminile - si può curare con efficacia.

Efficacia significa non solo arrestare il processo di diradamento del capillizio. ma anche osservare in una quota variabile ma quasi sempre presente un rinfoltimento.

I farmaci più importanti e riconosciuti in ambito internazionale sono ad oggi sono 2:

un farmaco sistemico, attivo sulla 5 alfa reduttasi, un enzima capace di trasformare il testosterone nella forma attiva di diidrotestosterone (DHT): quest'ultimo metabolita ormonale è la causa principale della calvizie; esso difatti è in grado di accelerare il ciclo di crescita del capello accorciando la fase anagen e quindi provocando il processo di "miniaturizzazione" dei capelli, tipico della calvizie sia maschile che femminile. 

un farmaco topico, in grado di concorrere allo sviluppo delle componeneti follicolari, grazie alla sua azione su diversi fattori come il VEGF (vessel endothelial growth factor) un importante fattore di crescita anche dei componenti del follicolo pilo sebaceo.

ad oggi sono disponibili altre terapie zonali come il PRP e una innovativa terapia microinfiltrativa composta da acido ialuronico e un complesso vitaminico attivo (recentemente approvata come medical device di III livello) con potere biostimolante a carico del follicolo pilo-sebaceo da un lato ed contrastante l'azione del DHT dall'altro.

 

Quindi chi vuole “tenersi i capelli in testa” cosa dovrebbe fare?

 Tre consigli: 

 

Primo: fare grande attenzione ai “Falsi tricologi” (l’unico vero tricologo e il Medico specialista in Dermatologia) ed a chi promette – a tutti i livelli - le famigerate “pozioni magiche” per i capelli: è molto probabile che dietro si celino truffe o raggiri: quindi informarsi preventivamente sul Centro o sul Professionista è sempre buona norma.

 

Secondo: scegliere il proprio Dermatologo-Tricologo di fiducia, ed affidarsi alla sua valutazione e Terapia: un referto scritto (opzionabile) che classifichi il tipo e lo stadio della sua Calvizie (consegnato al paziente) e la foto globale (stato macroscopico della Calvizie) più quelle dermoscopiche, sono il modo più chiaro ed accurato per diagnosticare e curare la Calvizie.

 

Terzo: Seguire le terapie, ma soprattutto i controlli successivi mensili, trimestrali o semestrali prescritti alla fine della Visita e programmati in base al tipo ed alla importanza della situazione.

Nuove Terapie Rigenerative: Microinfiltrazioni del cuoio capelluto

Nuove Terapie Rigenerative: Microinfiltrazioni del cuoio capelluto - C a l v i z i e . P r o

Le nuove terapie microinfiltrative si basano soluzioni iniettabili direttamente nel cuoio capelluto, mediante aghi ultrasottili (mesoterapici) 30-32g.

Fra le tecniche più recenti ad oggi (oltre al PRP, plasma ricco di piastrine) si annoverano formulazioni specifiche combinate con indicazione per microinfiltrazioni nel cuoio capelluto in grado di diminuire la perdita dei capelli (rallentando quindi il processo di miniaturizzazione) e ristrutturare le fibre del capello: queste terapie possono essere associate o meno ad altre farmaci sistemici e topici, in base al caso.

In particolare segnaliamo una terapia microinfiltrativa nata con questo scopo e recentemente accreditata come MEDICAL DEVICE di Tipo III con l'indicazione per microinfiltrazioni zonali per il cuoio capelluto composta da acido ialuronico + complesso molecolare polivitaminico.

Questa terapia è composta da sostanze attive e non nocive per l'organismo quali l'acido ialuronico e un complesso poli-vitaminico denominato RHB che per il quale è stato dimostrata scientificamente una proprietà anti DHT (ovvero anti diidrotestosterone, l'ormone causa della calvizie); praticamente il complesso RHB è in grado di inibile a livello recettoriale l'azione del DHT senza essere lo stesso, un farmaco enzimatico o un ormone.

Gli effetti potenziali di questo complesso, in associazione con l'acido ialuronico sono principalmente:

- la riduzione della miniaturizzazione (perdita di capelli tipica della calvizie maschile e femminile)

- la protezione contro agenti ossidanti

- la protezione del derma e del follicolo

- l'idratazione del cuoio capelluto

Come e da chi si effettua questa terapia?

E' stato recentemente prestabilito un protocollo di 6 sedute a distanza di 10-15 giorni l'una dall'altra, che si associano ad un mantenimento costituito da una seduta microinfiltrativa ogni 3-4 mesi.

La terapia deve essere effettuata direttamente e solo da Medici Specialisti e la durata della stessa si aggira attorno ai 15 minuti a seduta; non servono anestesie e particolari accorgimenti ed esami sierologici: è sempre necessaria invece  la visita Dermatologico Tricologica preliminare.

 

per ulteriori info:

 

vai all'articolo pubblicato dal Dr. Laino sulle "Nuove Tecniche rigenerative per i Capelli"

 

Princìpi e qualità dell'informazione medica del Sito

Tutte le informazioni rese in questo Sito, sono rese da persoanle medico specialistico e costituiscono un orientamento non vincolante e generale: non sostituiscono né surrogano in alcun modo la Visita Medica.

Gli approfondimenti clinico scientifici divulgati in questa sede ivi comprese le immagini cliniche, hanno un solo scopo dimostrativo generale e non debbono in alcun modo pertanto, indirizzare l'utente verso l'utilizzo di una particolare terapia od approccio terapeutico adiuvante, ma costituiscono alla stessa stregua delle altre informazioni, un approfondimento a carattere generale e non vincolante per il paziente/utente. 

Raccomandiamo sempre di rivolgersi al proprio Dermatologo di fiducia!

 

REGOLE DI TRASPARENZA 

Questo sito si attiene alle regole generali dei Codici di condotta per i siti a contenuto medico, volto a garantire la qualità e l'attendibilità dell'informazioni pubblicate.

Questi i principi fondamentali ai quali tale sito si attiene:

Attendibilità dell'informazione
Le informazioni a carattere medico-scientifico presenti sul sito sono garantite da un responsabile scientifico (Medico) che ne valuta l'attendibilità.
Responsabile scientifico ed Autore di tutte le informazioni mediche presenti in Latuapelle.org è il Dr. Luigi Laino, Medico Chirurgo Specialista Dermatologo Iscr. Ordine Roma 50938/M.

Complementarietà:
L'informazione contenuta su questo sito, per quanto scientificamente attendibile, non intende sostituire il rapporto che intercorre fra medico e paziente, ma semplicemente fornire un supporto ad esso.

Tutela della Privacy:
Il sito tutela e garantisce la privacy dei navigatori che accedono al sito e ne utilizzano i servizi, nel rispetto della vigente normativa sulla privacy (Legge n.675/96).

Trasparenza:
Per tutte le informazioni contenute sul sito, è chiaramente indicata la fonte.

Politica editoriale trasparente:
il sito non ospita annunci pubblicitari ad opera di terzi
il sito agisce come "sito orientativo ed indicazionale non lucrativo nell'ambito della Salute e della Dermatologia"

Il sito è interamente auto-finanziato dal proprietario (persona fisica); pertanto, non possiede fonti di finanziamento esterne sia pubbliche che private, di alcun genere. 

Dichiarazione di conformità alle linee guida emanate dall'Ordine:
Il sottoscritto Dr. Luigi Laino dichiara che il messaggio informativo contenuto nel presente sito è diramato nel rispetto delle linee guida approvate dalla FNOMCeO inerenti l’applicazione degli artt. 55, 56 e 57 del Nuovo Codice di Deontologia Medica.

C a l v i z i e . P r o

La Calvizie: Radiointervista al Dr. Laino

C a l v i z i e . P r o

RaiNews24 Intervista il Dr. Laino: La Calvizie

C a l v i z i e . P r o

Dove Siamo a Roma

C a l v i z i e . P r o

Roma Studio Dermatologico Tricologico

C a l v i z i e . P r o

Approfondimenti e Articoli

Repubblica.it

Corriere.it

IlSole24Ore.it

C a l v i z i e . P r o